Come scrivere un piano d’azione vincente quando Amazon sospende il tuo account venditore

Come scrivere un piano di azione quando il tua account venditore viene sospeso da Amazon?

Forse hai già inviato un primo ricorso o piano d’azione, ma senza successo. Il dipartimento delle performance del venditore molto probabilmente ti ha inviato la classica email con la quale ti invitava a: “fornire ulteriori informazioni”.

Sei probabilmente preso dallo sconforto, non sai che fare! I giorni (a volte i mesi) passano e le tue vendite e i tuoi guadagni precipitano. Ma non solo. Tutti gli sforzi che hai fatto sino ad oggi per conquistare la tua buy box svaniscono.

Eccoti allora alcuni suggerimenti su come creare un piano d’azione efficace (POA) e ritornare a vendere su Amazon

Quello che stò per dirti non è modulo da utilizzare come un “copia e incolla” su ogni ricorso, ma vuole essere lo strumento che può farti vincere un ricorso sin da subito.

Sei hai commesso delle gravi violazioni e hai disobbedito al regolamento che disciplina la vendita su Amazon (le cosiddette Amazon Policy) potresti anche non essere in grado di uscirne (ma in quel caso contattami e vedremo di risolvere insieme)

Ti confesso che ho qualche esitazione anche nel fornirti queste informazioni, poiché non ho interesse ad aiutare i cattivi venditori a tornare su Amazon, ma di aiutare solo i meritevoli.

Spero tu sia un onesto e bravo venditore in Amazon.

piano d'azione

1) Come redigere il piano d’azione o ricorso

Il formato per il tuo piano d’azione deve rispondere alle seguenti domande:

  • A) Cosa è andato storto?

  • B) Cosa abbiamo fatto per risolvere i problemi?

  • C) Cosa abbiamo fatto per evitare che i problemi si ripetano in futuro?

Ora, quando dico “il formato dovrebbe essere”, intendo che dovresti davvero usare quelle intestazioni “A) Cosa è andato storto” e così via.

Quando dico che nella sezione C in pratica dovresti solo dire

“Le azioni che abbiamo intrapreso con B eviteranno che i problemi si ripetano”,

intendo esattamente ciò!

Usa le tue parole ovviamente, ma tutti gli elementi di azione dovrebbero essere in B. C, evitando che si verifichino problemi in futuro. Dovrebbero essere il risultato di ciò che hai fatto in B, e dovresti semplicemente dire che lo sarà.

2) Piano d’azione: Cosa includere

Assicurati di affrontare tutti i problemi che Amazon ha avuto con il tuo account. Assicurati che il tuo piano risolva i problemi che menzionano.

3)Piano d’azione: Cosa non includere

Questo è ancora più importante del n. 2.

Non includere un mucchio di verbosità estranea. Non parlare di quanto sei meraviglioso, di quanto sia meraviglioso Amazon o di quanto ti dispiaccia. Non affrontare i problemi che Amazon non ha sollevato. Attieniti ai fatti: ecco cosa è andato storto riguardo a ciò che Amazon sta chiedendo, ecco come abbiamo risolto i problemi ed ecco come eviteremo che tali problemi si ripetano in futuro.

4) gravi violazioni 

Con determinate violazioni più gravi, potrebbe non essere possibile recuperare il tuo status di venditore.

Nel corso della mia carriera quale gestore di account Amazon di casi gravi ne ho visti a centinaia. Gli errori più ricorrenti che ho rilevato sono:

  • l’apertura di un secondo account venditore quando il primo è sospeso,
  • la contraffazione dilagante,
  • ovvie bugie sulla spedizione del prodotto
  • e la sempre popolare spedizione su larga scala di prodotti che non corrispondono a ciò che il cliente ordinato.

Se hai fatto cose del genere, la formattazione del tuo piano d’azione probabilmente non importerà.

5) Altre cose da fare e da non fare

Essere paziente. Amazon non ha fretta di ripristinarti.

Non bombardare Amazon con richieste sullo stato del tuo account.

Non peggiorare le cose più di quanto già lo siano. Ad esempio rifiutandoti di spedire ordini aperti fino a quando Amazon non ti ripristinerà.

Non aggravare ulteriormente la tua posizione, ad esempio scrivendo ai tuoi clienti lamentandoti della sospensione, o scrivendo a Jeff Bezos.

Apporta modifiche reali al modo in cui operi in modo da non essere nuovamente sospeso.

Se gestisci da solo il tuo business nei marketplace di Amazon e, diciamo che

“non hai fatto la spedizione perché sono andato in ospedale e blah blah”

sì, abbiamo già sentito tutto prima.

Crea un piano di emergenza che ti consenta di spedire i tuoi prodotti e metti il tuo negozio in vacanza quando accadono cose del genere.

Se stavi acquistando i tuoi prodotto da distributori “sospetti”, eliminali subito rimuovendoli dal tuo inventario.

E se vieni reintegrato – congratulazioni – ma non dire semplicemente “Ehi, sono tornato, non c’è bisogno di cambiare nulla”. . . o un giorno tornerai qui a leggere di nuovo questo post.

In bocca al lupo!