Suggerimenti SEO per la tua start-up

Ogni giorno numerose startup continuano a nascere. Secondo l’ultimo censimento del Ministero per lo Sviluppo Economico (MiSE) in particolare sono circa 6400 le nuove aziende che figurano nel registro delle imprese del 2016. La vera scommessa, però, è crescere e diventare delle grandi imprese. Solo l’1% di queste, infatti, riesce ad ottenere un primo finanziamento per avviare l’attività e una startup su tre ha un sito web che non funziona bene. È per questo che il Governo italiano ha previsto nuove normative che daranno la possibilità di ottenere sgravi fiscali per chi investe in startup, ma ciò comunque non è sufficiente per sopravvivere in questo nuovo mercato.

Per crescere, distinguersi dalla concorrenza e far decollare una nuova impresa è necessario pianificare con grande attenzione la propria presenza online, sin dal principio e in ogni suo aspetto, studiando una strategia specifica che permetta di affermarsi sul web. Ci riferiamo alla SEO (Search Engine Optimization) e in particolar modo alla SEO per startup ed eCommerce, cioè quell’insieme di attività volte a migliorare la visibilità di un sito web e il suo posizionamento neimotori di ricerca.

APPROCCIO SEO-FIRST E USER-FIRST

Indipendentemente dal settore di mercato, qualsiasi startup oggi può individuare nel web uno strumento in grado di moltiplicare le opportunità di business. Punto di partenza imprescindibile per fare del mondo digitale un importante canale di promozione è avere competenze nella gestione degli elementi essenziali di web marketing a partire dalle strategie di ottimizzazione per i motori di ricerca. La grande ricchezza di una startup è, infatti, la possibilità di costruire un nuovo sito da zero secondo i principi che consentono di massimizzarne la visibilità sin da subito.

  • SEO PER I SITI MULTILINGUA

  • OTTIMIZZAZIONE DI TESTI

  • SITI PER DISPOSITIVI MOBILE

CONTENT IS THE KING: OTTIMIZZAZIONE DI TESTI, CATEGORIE E SCHEDE PRODOTTO

È la regola numero uno del web marketing, ancora fortemente valida ma non sempre pienamente compresa: content is the King. La strategia di marketing più importante consiste nella creazione di contenuti rilevanti non solo dal punto di vista quantitativo, affinché i motori di ricerca riescano a interpretare e indicizzare le pagine del sito, ma sopratutto dal punto di vista qualitativo. Questo significa saper raccontare il proprio brand o prodotto, offrire qualcosa di nuovo e utile all’utente, alimentare il sito con articoli, testi, immagini e consigli in grado di stimolarne la condivisione, ma soprattutto originalità. Ciò è valido non solo per i portali editoriali ma anche per gli eCommerce, che si tratti di piccoli brand oppure di grandi piattaforme multimarca con centinaia di migliaia di articoli.

DIFFERENZIARE E INVESTIRE NELLA SEO PER STARTUP DA SUBITO

Nell’ambito di un progetto digitale ancora pochi comprendono l’importanza di investire sin dal principio nell’attività SEO, qualunque sia la tipologia di startup o di sito web. «La SEO dà risultati e frutti sul medio-lungo periodo, ecco perché spesso le startup non la ritengono un’attività prioritaria. Al contrario, è essenziale fin da subito, essendo un canale che fornisce un alto ROI nel tempo, nonché risultati tangibili e misurabili»,dice l’esperta. Investire nella SEO rappresenta, inoltre, una strategia per differenziare i canali di marketing e di traffico e rendere la startup più solida nel tempo.

2018-09-13T12:48:16+00:00